Stampa vegetale con Laura Dell’Erba – Tessuti Di Origine Animale

Stampa vegetale -  Le sperimentazioni di Laura Dell'Erba

Il pezzo di oggi è dedicato alla stampa vegetale. Ovvero una tecnica di tintura completamente naturale e quindi a impatto zero. Con la stampa vegetale impariamo che i fiori non soltanto sono belli, ma anche buoni e utili. Così come le foglie, alcune pietre e persino le ossa. È un modo splendido e virtuoso per rendere i nostri capi unici. Chi si avvicina a questa tecnica se ne innamora facilmente perché regala molte emozioni. Infatti la parte interessante non è soltanto la tintura in sé, ma anche la raccolta di piante e fiori, la scelta degli stessi, la consapevolezza di creare un tessuto che non danneggia l'ambiente in cui viviamo. Insomma con la stampa vegetale si inizia un viaggio che ci mette in contatto con il rispetto per la Natura e quindi per noi stessi.

E con chi potevamo affrontare questo nuovo viaggio se non con l'espertissima in materia Laura Dell'Erba? Laura ha collaborato con noi in altre occasioni, qui trovate un'intervista con lei. Anche stavolta ha risposto con entusiasmo al nostro invito di sperimentare alcuni tessuti in modo da far emergere le eventuali differenze di risultato.

Partiamo con la stampa vegetale sui tessuti di origine animale. In particolare Etamina e Garza, entrambe in pura lana. Laura Dell'Erba si è anche cimentata nella stampa vegetale sullo Chiffon di seta.

E se invece siete interessati a scoprire come utilizzare la stampa vegetale su tessuti di origine vegetale misti animale, cliccate qui.

Estratto Tintorio 75 g - Ginestra
Ginestra - 75 g
1 pz. € 59,93
Etamina Lana 145 cm - Colori Naturali
Greggio
1 m € 30,97
2 m € 60,71
5 m € 148,67
Garza Lana 165 cm - Colori Naturali
Greggio
1 m € 31,99
2 m € 62,69
5 m € 153,54
Garza Lana 140 cm
Sbiancato
1 m € 34,14
2 m € 66,92
5 m € 163,89

Stampa vegetale - iniziamo

Adesso passo la parola a Laura che, con parole e immagini, vi guiderà nel percorso della stampa vegetale su Garza di pura lana ed Etamina di pura lana.


Il primo passaggio per la stampa vegetale è quello di lavare accuratamente il tessuto che andrete a lavorare. Vi ricordo che per questi tipi di tessuti non è importante effettuare il bagno di mordenzatura.


Stampa vegetale su garza di lana

Stendete la garza di lana sul vostro piano di lavoro e in modo uniforme e leggero spruzzate il tessuto con dell’aceto bianco.


Cospargete metà del tessuto con le foglie che avete intenzione di utilizzare per il vostro progetto. Se invece volete ottenere il mio stesso risultato raccogliete le foglie d’eucaliptus, il geranium, il prunus, la buccia di cipolla, i semi di bixa orellana o l’anatto.


Una volta disposte le foglie, prendete la metà della garza di lana che avete lasciato libera e coprite completamente la parte del tessuto ricoperto di foglie. Piegate ancora una volta a metà il tessuto cercando di non far muovere le foglie. In questo modo otterrete una striscia sottile.


Successivamente dovrete prendere un bastone di ferro e avvolgerlo con un panno di cotone. Questo passaggio è molto importante perché il contatto diretto tra le fibre e il ferro tende a indebolire le prime, evitando così possibili futuri sfaldamenti.

Appoggiate il bastone di ferro all’inizio della garza di lana e con un movimento lento, ma preciso, arrotolate la stoffa tenendola in tensione, eviterete così che si creino delle pieghe.


Una volta arrotolato completamente il tessuto al bastone, dovete fissare entrambi i lati con due elastici. Quest’operazione vi faciliterà nel legare l’intero rotolo con un cordino da cucina messo a doppio.


Ora iniziate a preparare una miscela di acqua ed estratto di Acacia Cathecu, di quest’ultima vi basterà soltanto 4gr. Iniziate a mescolare il tutto in acqua fredda in una pentola da almeno 25 litri. Prima di iniziare a riscaldare l’acqua immergete il rotolo di garza di lana che avete creato e lasciate che bolla per almeno 45 minuti.


Ecco a voi i risultati che ho ottenuto con la stampa vegetale sulla garza di lana.



Stampa vegetale su etamina di pura lana

L’etamina, come la garza di pura lana, va stesa su un piano di lavoro adatto al vostro progetto e anch’essa deve essere spruzzata con l’aceto. Piegate a metà il tessuto e successivamente piegatene un quarto sopra e un quarto in sotto. Otterrete così una piegatura a fisarmonica.


Quando l’etamina di pura lana ha preso forma, riaprite la fisarmonica a metà. Cospargete di foglie il quarto più vicino. In questo tutorial ho utilizzato le stesse foglie della garza di lana e in più ho aggiunto delle foglie di rosa.


Piegate nuovamente la stoffa come all’inizio e distribuite anche in questa piega le foglie. Successivamente prendete un bastone di ferro e arrotolatelo con del cotone. Posizionate il bastone all’inizio del vostro tessuto e arrotolatelo con cura, evitate di creare le pieghe.


Posizionate degli elastici all’estremità del rotolo e con un filo da cucina messo a doppio, legate totalmente il rotolo.


Una volta che anche questa operazione sarà finita, dovete iniziare a preparare una miscela di acqua e estratto di acacia catechu, circa 4gr. Mi raccomando di effettuare quest'operazione ad acqua fredda, in una pentola da almeno 25 litri. Immergete il rotolo di etamina di pura lana nell’acqua ancora fredda e da quando inizia a bollire, calcolate almeno 45 min.


Nelle foto che seguono potete vedere il rotolo di etamina aperto e il risultato che ho ottenuto con la stampa vegetale.




SCRIVI UN COMMENTO