Titolo di un filato: cos’è e come si calcola

Cos'è il titolo di un filato?

Il titolo di un filato ne indica lo spessore. Perché si ricorre a questo dato piuttosto che misurarne il diametro o "l'altezza" con un comune righello? Perché nonostante la struttura dei filati sia tendenzialmente cilindrica e rilevabile, in realtà si rivela non sufficientemente rigida e stabile da permettere una rilevazione della sua misura che sia oggettiva e  inequivocabile.
Per questo motivo si è pensato ad un sistema più rigoroso che è proprio quello della titolazione, che si basa sul rapporto tra lunghezza e peso.

Titolazione per lunghezza

In pratica come funziona?

Sull'etichetta il titolo di un filato viene indicato con la dicitura Nm (che sta per Numerico Metrico). Quando su l'etichetta di un filato a capo unico, leggiamo che il titolo del filato è 5.000, significa che un 1 kg di filato corrisponde a 5.000 metri.
Se invece si tratta di un filato a più capi, ad esempio un filato 2/28.000, si divide il denominatore per il numeratore quindi 28.000/2 e si ottiene un titolo che è pari a 14.000. Ciò significa che 1 kg di filato corrisponde a 14.000 metri.

A questo punto vi chiederete questi numeri a che spessore corrispondano. Tenete presente allora che più basso è il titolo di un filato e maggiore è il suo spessore. Un filato di titolo 2.000 è quindi un filato molto più grosso di un 14.000  che a sua volta è ben più grosso di un filato 2/60.000.

A seconda del titolo si usano ferri e uncinetti di misure diverse. Non esiste purtroppo una vera e propria tabella di conversione nella quale trovare esattamente quali ferri o uncinetti usare a seconda del titolo questo perché la scelta non è legata solo al titolo, ma anche al tipo di lavorazione e all'effetto finale che si vuole ottenere.

Charleston - 100 g
Luna
1 pz. € 10,63
Cyrcus - 100 g
Tenerezza
1 pz. € 12,18
Hokusai - 100 g - Collezione I Classici
Crepuscolo
1 pz. € 12,19
Piuma - 100 g - Collezione I Classici
Etoile
1 pz. € 7,98

Non preoccupatevi però le etichette dei nostri filati e i pattern che trovate nel nostro blog riportano sempre i ferri e gli uncinetti consigliati.

Lo so questo post è davvero barboso. Ma è utile! Soprattutto per i principianti e soprattutto ora che qui in DHG stiamo sfornando sempre più filati. Una nuova avventura a cui andare incontro preparati e con le nozioni giuste in tasca. Non vi pare?

SCRIVI UN COMMENTO