Indaco: come ottenere tinture straordinarie

da Gaia Gualtieri - 23/10/2013

#Indaco

Gaia Gualtieri

L'indaco da sempre affascina e "terrorizza" tanti aspiranti tintori. Abbiamo deciso pertanto di dedicare un approfondimento speciale a questo procedimento di tintura perché l'indaco, oltre ad essere appunto uno dei colori più amati, deve essere utilizzato seguendo un procedimento creato ad hoc.

Bisogna tenere presente infatti che l'indaco è un colorante diretto quindi non necessita di mordenzatura. Ciò non vuol dire tuttavia che si possa procedere direttamente al bagno di tintura utilizzando l'estratto così come è. L'estratto di indaco infatti deve essere lavorato e deve essere preparata quella che tecnicamente viene definita tintura madre.

Ecco come si fa...

Chiffon Seta 6 140 cm - Colori Naturali
Bianco Naturale
1 m € 16,06
2 m € 31,48
5 m € 76,29
Piuma - 500 g - Collezione I Classici
Bianco Naturale
1 pz. € 29,27
Chiffon Seta 3.5 140 cm - Colori Naturali
Bianco Naturale
1 m € 14,85
2 m € 29,10
5 m € 70,53
Indaco Naturale - 75 g
Indaco - 75 g
1 pz. € 34,24

Tintura madre

  • Pesate le fibre (e/o i filati e i tessuti da esse ottenute) asciutte.
  • Sciacquate le fibre da tingere con sapone neutro.
  • Mettete l’indaco in un barattolo (preferibilmente di ferro) da 500 ml chiudibile con un tappo ermetico.
  • La quantità di colorante indaco occorrente per la preparazione della madre varia dal 2% (si ottiene un blu chiaro) al 5% (si ottiene un blu scuro) a seconda dell'intensità di blu che si vuole ottenere. Il peso del colorante si calcola in percentuale rispetto al peso della fibra asciutta da tingere.
  • Aggiungete acqua per i 2/3 (rispetto alla capienza del barattolo) e mescolate bene sciogliendo eventuali grumi.
  • Sulla base del peso del colore calcolate la quantità di riducenti occorrenti per fare l’ossido-riduzione: 80% rispetto al peso del colore di soda caustica e 80% rispetto al peso del colore di idrosolfito.
  • Aggiungete la soda caustica alla soluzione contenuta nel barattolo e mescolate nuovamente. Per effetto della soda caustica la soluzione si scalda.
  • Aggiungete alla soluzione per ultimo l’idrosolfito e mescolate velocemente.
  • Quindi chiudete il barattolo con un tappo ermetico e tenetelo a bagno maria per 20/30 minuti mantenendo la temperatura di 55° C.


Bagno di tintura indaco (tino)

  • Versate il composto ottenuto in una pentola precedentemente riempita d’acqua (rapporto bagno 20/1) e portate la temperatura a 55° C, non oltre.
  • Aggiungete 1 mg/l di idrosolfito.
  • Coprite con un coperchio e lasciate riposare per altri 20 minuti.
  • Il bagno di tintura con l’indaco a questo punto è pronto e potete passare alla tintura vera e propria.
  • Preparate un catino con acqua tiepida e due cucchiai di aceto per il risciacquo della fibra dopo la tintura .
  • Immergete la fibra da tingere (precedentemente sciacquata con sapone neutro) nel bagno di colore, avendo cura che venga completamente sommersa dal bagno di tintura.
  • Non agitate eccessivamente la fibra nel bagno così da evitare che si formino bolle d’aria. Il tempo di immersione nel bagno è di 5 minuti.
  • Togliete velocemente la fibra dal bagno di tintura e apritela al contatto dell’aria: sotto i vostri occhi il suo colore giallo-verde iniziale rapidamente diventerà blu.
  • A questo punto sciacquate la fibra prima nel catino con acqua tiepida e aceto per togliere i residui di colore e successivamente sotto l’acqua corrente, fino a quando l’acqua non avrà più traccia di colore blu.
  • Lasciate asciugare la fibra lontano dal sole diretto.


    Consiglio del tintore: il colore del bagno deve rimanere per tutta la durata della tintura simile al colore dell'olio di oliva , se dovesse tendere al blu aggiungere 1 g/l di soda e 1g/l di idrosolfito.

    Immagini pubblicate per gentile concessione di Coordinamento Tessitori - ©KEVO.biz

    Se ti è piaciuto questo articolo, potrebbe interessarti anche Stampa vegetale con Laura Dell'Erba - Tessuti di origine animale.

    SCRIVI UN COMMENTO